Rassegna Stampa

ASP di Catania

L'ASP- Azienda Sanitaria Provinciale- di Catania garantisce l'assistenza sanitaria a tutti i cittadini italiani e stranieri, si occupa come ente istituzionale della prevenzione, tutela psico-fisica cura e riabilitazione dei soggetti disabili fisici,mentali e tossicodipendenti in un'articolazione distrettuale e provinciale. L'Azienda territoriale svolge l'attività a favore dei soggetti svantaggiati non solo in senso di riabilitazione sanitaria ma anche per la loro inclusione sociale e lavorativa sia attraverso la promozione di progetti a favore dell'inclusione sociale e lavorativa, sia collaborando con enti preposti all'inserimento.
Con alcuni partner, l'ASP ha sottoscritto ed attuato progetti rivolti all'integrazione ed inserimento socio- lavorativo di soggetti svantaggiati (Patto per il lavoro, Progetto Pronto Intervento Sociale, Equal S.In.Te.Si ed Ex-Aequo, Progetto di inserimento lavorativo disabili mentali),realizzando una politica di programmazione e concertazione congiunta con gli attori chiave del territorio, con interventi ed attivazione di tirocini formativi e formazione in impresa.

ASP3 CATANIA - Dipartimento di Salute Mentale

Interventi di Rete

Responsabile: Dott. Roberto Ortoleva

Corso Italia 234 - 95129 Catania

Tel. 095 2545203,
Fax. 095 7110177

Ultimo aggiornamento 05 Maggio 2010
 

Buone Pratiche

Il progetto è rivolto ai soggetti diversamente abili e a tutti quegli individui che per vari fattori risultano a rischio di devianza e svantaggio: stranieri,poveri, ex detenuti rom, ecc. La scelta di includere nelle attività previste dal progetto categorie fra loro eterogenee è dettata dalla considerazione che fra coloro che sono in difficoltà “di vita” ed i ragazzi diversamente abili possa crearsi un rapporto di mutuo aiuto ...Consulta tutta la buona pratica "Compagnia di danza reggina"
Il servizio del Custode Socio-Sanitario è nato nel luglio 2004 su proposta del Ministero della Salute, dell’Istituto Superiore di Sanità, della Regione Lombardia. La finalità del progetto è intercettare i bisogni espressi e non espressi da parte della popolazione anziana fragile che risiede in aree socio-ambientali disagiate del territorio metropolitano di Milano. ...Consulta tutta la buona pratica "Custode sociale e custode sanitario"
AMAT DEUS si propone di veicolare in modo efficace il tema del volontariato creativo e la sua importanza nella vita sociale. Nasce come progetto cinematografico aperto, dove la sceneggiatura iniziale viene aggiornata e modificata in corso d’opera dal contributo creativo di chi vi partecipa. ...Consulta tutta la buona pratica "AMAT DEUS"

Agenda

Roma, 24 marzo 2011 Conferenza finale del progetto DSE: "Disability and Social Esclusion. Buone Pratiche per l’inclusione Sociale"   A Roma il 24 marzo prossimo, a partire dalle ore 9, si terrà la conferenza finale del...
Castel Sant Angelo, 15 febbraio 2011 Conferenza: "Sport e disabilità: l'inclusione che elimina le distanze"   La pratica sportiva ha molti vantaggi sia dal punto di vista dell’attività motoria e molti effetti positivi dal...

Progetto

Superare pregiudizi e stereotipi, valorizzare esperienze e best practices, diffondere informazioni attraverso iniziative concrete sul territorio per consentire la piena partecipazione delle persone con disabilità. E' l'obiettivo del progetto disability and social exclusion (DSE) co-finanziato dalla Commissione europea. Attraverso iniziative territoriali e di comunicazione, il progetto mira a realizzare un cambiamento culturale per il superamento di comportamenti discriminatori nei confronti delle persone con disabilità, ancora molto diffusi nel nostro Paese.

Icona download documento formato PDFScarica sintesi progetto "DSE" (170 Kb)